Alcune riflessioni pre- e post-ferragostane sulla riforma della ricerca -
Sinossi delle riforme CNR, INGV e INAF

Si propone qui un confronto tra i decreti di riforma del CNR e dei due nuovi istituti nazionali (l'INGV che raggruppa enti come ING, l'Osservatorio Vesuviano di precedente statuto parauniversitario, ed alcuni istituti CNR ; e l'INAF che raggruppa gli Osservatori Astronomici di precedente statuto parauniversitario) in particolare su : Fonti : Il testo e' preso alla lettera dalle fonti, o interpolato [se tra parentesi quadra] o riassunto (se in corsivo). La tabella e' organizzata in 3 colonne con sfondo di diverso colore per il materiale testuale relativo ai tre enti. Eventuali commenti compaiono su sfondo azzurro attraverso le tre colonne.

CNR

INAF

INGV

organizzazione territoriale ed articolazione in strutture
sede del CNR in Roma non precisata nella legge
sede degli istituti nazionali non precisata ne' nella legge ne' nei Regolamenti
Art. 1 comma 1 [Ha] sede in Roma Art. 5 comma 4 ha sede in Roma
Art. 8 comma 1 articolazione in istituti nazionali demandata ai Regolamenti interni ed atti successivi
articolazione degli istituti in Sezioni o altre strutture descritta sommariamente nei Regolamenti
Art. 1 comma 1 [ha] strutture operative distribuite sul territorio [e vi] confluiscono gli osservatori astronomici e astrofisici.
Art. 8 comma 1 [ha] non più di tre dipartimenti [ai sensi dei regolamenti interni che] disciplinano, altresì, il riordino della rete degli osservatori di astronomia e astrofisica come strutture con propria denominazione dotate di autonomia scientifica, amministrativa e contabile
Art. 1 comma 1 vi confluiscono, l'Istituto Nazionale di geofisica (ING), l'Osservatorio vesuviano (OV), nonché [i tre istituti] CNR [IIV Catania, IGF Palermo, IRRS Milano]
Art. 5 comma 4 si articola in sezioni distribuite sul territorio [tra cui] l'Osservatorio Vesuviano, che mantiene la sua denominazione.
Si noti che nel caso dell'INGV si sono incorporati in un medesimo ente un EPR preesistente (ING), una struttura para-universitaria (OV) e tre organi staccati dal CNR, mentre nel caso dell'INAF si sono solo accorpati gli osservatori (gia' para-universitari) senza staccare alcun organo (pur esistente) dal CNR. Per il CNR infine la riorganizzazione e' demandata alla fase successiva alla stesura dei regolamenti interni.
organi direttivi
Art. 4 comma 1 a Il presidente comma 2 [nominato dal Governo per] 4 anni [rinnovabili una volta] [che] comma 8 nomina [...] un direttore generale
Reg. Istituti Art. 7-9 [per gi istituti nazionali] il direttore [scelto per] valutazione comparativa
Art. 4 comma 1 a Il presidente comma 2 [nominato dal Governo per] 4 anni [rinnovabili una volta] [che] comma 6 nomina [...] un direttore amministrativo Art. 3 comma 1 a Il presidente comma 2 [nominato dal Governo per] 4 anni [rinnovabili una volta][che] comma 8 nomina [...] un direttore generale
Totale parallelismo salvo la denominazione del direttore amministrativo dell'INAF
Art. 4 comma 1 b Il consiglio direttivo [CD] comma 3 [di] 8 membri [di cui] 4 [designati dal Ministro] e 4 designati dall'Assemblea della scienza e della tecnologia [per 4 anni rinnovabili una volta]
Reg. Istituti Art. 11-12 [per gi istituti nazionali] il comitato di istituto composto dai responsabili delle Sezioni [... e] da una rappresentanza elettiva dei ricercatori e dei tecnologi dell'Istituto [e del] personale tecnico-amministrativo
Art. 4 comma 1 b Il consiglio direttivo comma 3 [di] 6 membri [di cui] 2 eletti dagli astronomi [...] in servizio negli osservatori [...di cui almeno un ordinario], 2 eletti fra i professori e ricercatori universitari del settore scientifico-disciplinare di astronomia e astrofisica [di cui almeno un ordinario], 2 nominati dal Ministro [per 4 anni rinnovabili una volta]
Art. 13 comma 3 [esso subentra al CRA]
Art. 3 comma 1 b Il consiglio direttivo comma 4 [di] 6 membri [...] nominati dal Ministro [di cui] 1 designato dal [Ministro della Protezione Civile], 1 dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni, 2 dal Consiglio Scientifico Nazionale [di scienze della Terra]
Art. 4 comma 1 c Il comitato di consulenza scientifica [CCS] comma 3 [di] 21 membri [di cui] 10 eletti dai ricercatori e tecnologi dell'ente [e] 10 eletti dai consigli scientifici nazionali [ai sensi dei regolamenti] Art. 4 comma 1 c Il comitato di consulenza scientifica comma 7 [nominato dal presidente con non oltre 9 membri ai sensi dei Regolamenti] Art. 3 comma 1 c Il comitato di consulenza scientifica comma 5 [di] 10 membri [di cui] 5 eletti dal personale di ricerca [e] 5 eletti tra i professori universitari e ricercatori nei settori scientifico-disciplinari di geofisica e vulcanologia [ai sensi di decreto ministeriale da emanare]
Art. 4 comma 1 d Il collegio dei revisori dei conti Art. 4 comma 1 d Il collegio dei revisori dei conti Art. 3 comma 1 d Il collegio dei revisori dei conti
Apparente parallelismo di strutture, ma diversita' nelle nomine : il personale dell'ente elegge a livello di CCS per CNR e INGV, ma a livello di CD per INAF. Inoltre i Consigli Nazionali entrano a livello di CCS nel CNR e di CD nell'INGV, mentre non entrano nell'INAF.
La rappresentativita' del personale a livello delle strutture "minori" (istituti nazionali CNR) o "territoriali" (sezioni) e' ridotta (CNR) o non specificata (INAF e INGV, in quanto differita a futuri regolamenti).
personale e stato giuridico
Art. 11 comma 1 [tutto il personale anche di ricerca soggetto al DL 29 1993]
le norme concorsuali su ricercatori e tecnologi e sui contratti a tempo determinato demandate ai Regolamenti
Art. 11 [mentre il] personale tecnico e amministrativo [e' soggetto al DL 29 1993] il personale di ricerca [resta soggetto al DPR 163 1982 con alcune modifiche di cui al] comma 4 [in particolare si noti al] punto e [che] gli idonei delle valutazioni comparative bandite dall'Istituto possono essere nominati in ruolo per chiamata da università e l'Istituto può nominare in ruolo per chiamata candidati risultati idonei in valutazioni comparative espletate presso altre sedi universitarie [e al] punto f [la] assimilazione ad altro concorso di università per il settore di astronomia e astrofisica Art. 6 comma 4 il [...] personale [degli enti incorporati diventa] personale dell'INGV [tuttavia mentre il] comma 8 [pone norme transitorie con riferimento al DL 29 1993 per] il personale tecnico e amministrativo e i dirigenti in servizio a tempo indeterminato presso l'Osservatorio Vesuviano [e il] comma 6 [crea un] ruolo ad esaurimento [secondo il DPR 163 1982 per] i geofisici straordinari, ordinari ed associati e i ricercatori geofisici [dell'OV, nulla viene detto per il restante personale di ricerca]
La questione dello stato giuridico resta irrisolta. In un ente di costituzione "mista" (INGV) si mantiene un ruolo ad esaurimento para-universitario, a fianco di uno tipo EPR. In uno di costituzione uniforme (INAF) si mantiene lo status universitario, con una ampia mobilita' de facto a livello di concorsi. Pero' si noti che nei Regolamenti per l'elezione dei Consigli Nazionali il personale degli EPR e quello degli (ex-)osservatorii (astronomici e OV) votano nello stesso collegio (minoritario) di 2 su 7 (gli altri 5 essendo universitari)
mobilita' con universita'
Art. 12 [prevede rimandi abbastanza vaghi a convenzioni bilaterali per scambio di personale tra CNR e Universita' inclusi] corsi ufficiali o integrativi di insegnamento al personale di ricerca [del CNR ed] attività di ricerca presso gli istituti scientifici delle università.
I Regolamenti aggiungono la possibilita' per personale universitario e di altri EPR di venire "aggregato" al CNR
Art. 12 [prevede lo scambio bilaterale di personale tra INAF e Universita' su convenzione e demandando ai Regolamenti da emanare] [nessuna norma in merito]
La materia resta tuttora abbastanza nel vago